Angolo verde

Il colore verde favorisce la calma e ha effetto rilassante. Il verde è il colore dell’io, fertilità e natura. Nei semafori rappresenta il via libera, ma il verde allevia anche depressione e nervosismo. Proprio per questo motivo gli ospiti degli studi televisivi attendono in una stanza verde.

Un angolo verde; e qui parliamo di piante; può ravvivare l’ambiente e depurare l’aria che respiriamo o addirittura far crescere qualcosa di commestibile. In casa una piccola giungla può davvero fare la differenza nella vita caotica di tutti i giorni.

Non date limiti alla vostra immaginazione, nutritela e fatela sbocciare!

Costruire un angolo verde nella nostra casa non richiede esigenze particolari ma solo un po’ di attenzioni. Come noi le piante respirano e si nutrono ma cercano anche luce per crescere rigogliose.

Ricordatevi che curare le piante ci aiuta a conoscere noi stessi e gli altri, non a caso oggi, il giardinaggio è considerato terapeutico.

Curate le vostre piante e loro saranno vostre amiche per sempre!

Ogni volta che ho regalato delle piante a Magda, la mia amica, si è sempre lamentata di quanto sia facile ucciderle. Niente di più sbagliato! Magda non ha il pollice nero, semplicemente non segue una regola fondamentale.

La regola è conoscere chi portiamo in casa! Le piante ci parlano, dobbiamo solo imparare ad ascoltarle. Se avete dubbi suggerisco il test del dito: sporcatevi il dito immergendolo nel terreno, in base a come risulta la terra capirete se bagnarla nuovamente o no. Nel dubbio suggerisco sempre di bagnare un po’ meno, l’acqua si fa sempre in tempo ad aggiungerla.

Difficilmente vedremo del basilico in riva al mare o un cactus dove non batte il sole. Questo ci insegna quanto sia importante ricreare l’habitat naturale di ogni specie. Ci sono piante che vivono benissimo nel bagno, ce ne sono altre che preferiscono il poggiolo della camera da letto o la libreria del salotto. Soprattutto ricordate che ciò che vale per una specie non vale automaticamente per un’altra.

Come le piante pure noi siamo diversi, cercate di capire quale fase o metodo di coltivazione vi piace di più. Alla mia cuginetta, per esempio, piacciono i semi. Ogni seme racchiude il principio della vita, una piccola pianta che aspetta solo voi. Esistono tantissimi semi, di diverse forme e colori. Li possiamo trovare ovunque, dagli ortaggi alla frutta secca o sotto un albero qualsiasi come banalmente può essere una ghianda sotto una quercia.

Personalmente sono sempre stato affascinato dalle talee, trovo incredibile come una sola foglia possa contenere tutto il patrimonio genetico necessario alla riproduzione dell’intero esemplare. Imparate a guardarvi intorno e

raccogliete più talee possibili, sempre nel rispetto della natura!

Alle persone più curiose suggerisco Constance Spry. ci ha insegnato che non esistono regole, poiché le piante possono crescere ovunque tra terra o acqua, oppure dentro una vecchia teiera di cui abbiamo perso il coperchio.

Ogni casa ha la sua fauna, quindi in case differenti prosperano piante differenti. In genere è necessario spostarle un paio di volte prima di trovare il luogo ideale. Uno degli errori più frequenti è quello di costringere le piante in una postazione che non è la loro. Non stupitevi se poi vi muoiono tra le braccia!

A chi crede di esser negato, o non si fida abbastanza del suo pollice verde suggerisco d’iniziare con cose semplici e lasciate le orchidee a chi ha un pochino di esperienza in più! A tal proposito è importante aggiungere che il pothos non delude mai!

Fondamentale è chiudere gli occhi e dare nuova vita ad ogni zona inutilizzata di casa. In genere si sfrutta sempre troppo poco il bagno che secondo me se ben organizzato può dare grande soddisfazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *